Top

Inclusività nel mondo tecnologico a Londra, Art Night a Venezia e University Pride a Toronto

Per il mese del Pride i campus universitari di Toronto si preparano a celebrare, mentre a Dublino si rende giustizia ai lavori di ricerca prodotti dalle scienziate irlandesi e a Venezia si festeggia la Notte dell'Arte

Inclusività nel mondo tecnologico a Londra, Art Night a Venezia e University Pride a Toronto

Azzurra Arlotto

13 Giugno 2022 - 10.15


Preroll

di Azzurra Arlotto e Giuseppe Rizza

OutStream Desktop
Top right Mobile

Imperial College London

Middle placement Mobile

Nel settore tecnologico ci sono ben 600.000 posti vacanti. Tech Nation rivela che le donne sono gravemente assenti, costituendo solo il 19% della forza lavoro e il 23% a livello senior. L’organizzazione no profit techUK ha scoperto che mentre il 19% della forza lavoro del Regno Unito ha una disabilità, nel settore IT solo il 9,5% degli specialisti ha uno stato invalidante. Le minoranze etniche (in particolare gli asiatici) se la passano meglio se guardiamo alla forza lavoro tecnologica (14%), ma questa scende all’8,5% a livello senior. L’evidenza è che la diversità, l’equità e l’inclusione sono fondamentali per un’organizzazione. McKinsey ha scoperto che esiste un differenziale di sovraperformance del 48% tra le società più eterogenee rispetto a quelle con meno diversità di genere, con risultati analoghi anche per la diversità etnica e culturale. Durante la London Tech Week avrà luogo l’evento intitolato Do or Die – Improving Diversity, Equity & Inclusion in Tech, che si terrà lunedì 13 giugno dalle ore 19:00 alle ore 22:00 presso l’Imperial College London. Il dibattito sarà animato dai principali leader tecnologici e reclutatori. Clicca qui per conoscere il programma

Dynamic 1

University of Toronto

I tre campus della University of Toronto si preparano a celebrare il Pride Month e l’University of Toronto Pride, attraverso l’organizzazione dell’evento annuale #DisplayYourPride. L’iniziativa coinvolge qualsiasi lavoratore, invitandolo a decorare il proprio ufficio o lo spazio di lavoro in maniera tale da celebrare il Pride. Basterà scattare una foto e pubblicala su Twitter, Facebook e/o Instagram, taggando il post con l’hashtag #DisplayYourPride. In realtà è possibile anche aggiungere l’hashtag del campus di appartenenza (#UofT, #UTM oppure #UTSC). Chi è sprovvisto di un account attivo sui social media potrà inviare la foto all’Ufficio per la Diversità Sessuale e di Genere, che si occuperà della pubblicazione. Le celebrazioni si svolgeranno durante tutta la giornata di mercoledì 15 giugno e inizieranno presso il St. George Campus alle ore 12:00, con il ritrovo di docenti e studenti in abbigliamento Pride nella Sidney Smith Hall per una foto celebrativa di gruppo. Clicca qui per tutti i dettagli

Dynamic 2

Università di Padova

Nuovo appuntamento della rassegna Racconti della Natura con Fabio Marzano, mercoledì 15 giugno alle ore 18:30. La rassegna, organizzata dall’Orto botanico dell’Università di Padova, ruota attorno al tema della scrittura come mezzo privilegiato per raccontare la natura che ci circonda. L’evento, intitolato I racconti delle piante. Viaggio curioso nel mondo vegetale italiano, sarà un dialogo tra la giornalista Francesca Boccaletto e lo scrittore ed esperto di botanica Fabio Marzano, che racconterà alcune delle storie più curiose che riguardano il mondo vegetale italiano: storie di collezionisti maniacali, piante che hanno attraversato il mondo, alberi che sfidano le leggi del tempo, coltivazioni protagoniste in Italia di memorabili flop industriali o varietà antiche da frutto delle quali esistono solo pochi esemplari. Un viaggio attraverso il tempo e gli incredibili itinerari percorsi delle piante nel corso della loro storia, che ci aiuta a capire come il mondo vegetale e la storia della civiltà umana siano strettamente intrecciati. L’evento è gratuito e si svolge all’aperto. Clicca qui per maggiori informazioni

Dynamic 3

Università di Milano-Bicocca

Nel pomeriggio di giovedì 16 giugno si terrà l’evento Quale democrazia per quale pace? che vede la presenza eccezionale dei membri del Quartetto del Dialogo Nazionale tunisino, al quale è stato assegnato il Premio Nobel per la Pace nel 2015 per il ruolo di agevolatore nella costruzione della pace e nell’avanzamento del processo di transizione alla democrazia nella Tunisia post-Primavera araba. L’evento ha lo scopo di dimostrare l’adesione dell’Ateneo alla costruzione della pace, attraverso la presentazione degli studi di docenti, ricercatrici e ricercatori, studentesse e studenti provenienti da diversi ambiti disciplinari (diritto, economia, storia, comunicazione). Seguirà un intervento di Alaa Arsheed, rifugiato siriano, che suonerà il Violino del Mare costruito dai detenuti del carcere di Opera con i legni dei barconi di migranti giunti a Lampedusa (progetto “Metamorfosi” della Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti). Clicca qui per scoprire il programma

Dynamic 4

Università di Dublino

L’Ateneo irlandese organizza il Soapbox Science Dublin, un evento che porta 12 scienziate nelle strade della Città per parlare con il pubblico della loro ricerca. Saranno presenti professioniste di vari settori tra cui ecologiste, analiste di dati e scienziate dei materiali della terra che renderanno l’evento divertente e coinvolgente per tutti i partecipanti. Il Soapbox Science si terrà presso la South King Street nel centro di Dublino e si potrà partecipare in qualsiasi momento dalle 11:00 alle 14:00 di sabato 18 giugno. Clicca qui per saperne di più

Dynamic 5

Università di Venezia

Dopo l’edizione online dello scorso anno, sabato 18 giugno torna la Art Night veneziana. Una manifestazione da tempo entrata nel calendario ufficiale delle Notti dell’arte europee, tra le più attese in città, ideata e coordinata dall’Università Ca’ Foscari in collaborazione con il Comune di Venezia. Nel cortile dell’Ateneo, dove partirà l’evento dalle ore 18:00, sarà visibile l’installazione site-specific del progetto di Lena Herzog Last Whispers still frames, un memoriale delle lingue estinte e in via di estinzione. Sempre in cortile prenderà vita il gioco Ca’rte lab Conosci Venezia? un’attività didattica per i più piccoli, un Gioco artistico/linguistico nel quale si racconterà Venezia attraverso immagini che verranno tradotte in parole in un interessante mix tra italiano e ucraino. Un gioco che vuole essere soprattutto un momento d’incontro e condivisione di culture. Seguiranno poi Freak of Nature dedicato all’artista e attivista green Freak la quale dipinge elementi naturali sulle vetrine di attività sfitte o chiuse, seguendo la sua missione di segnalare ogni forma di abbandono tramite l’arte e infine una conversazione con lo scrittore e traduttore Paolo Nori. Alle ore 20.30 e 21.30 gli Spazi Espositivi ospiteranno la compagnia di danza Dewey Dell con la performance URLANTE RUGGENTE STRIDENTE 2022 ispirata alle forze della natura che sconquassano l’uomo e la terra.  La notte dell’arte a Ca’ Foscari si concluderà con l’installazione audio visiva ambientale site specific di Lena Herzog, promosso da UNESCO.  Clicca qui per scoprire il programma completo  

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage