Quando in un'intervista del 2019 Adriatici affermava: "Sparare deve essere l'extrema ratio"

L'assessore che ha ucciso il 39enne marocchino: "L'uso di un'arma deve essere giustificato da un pericolo reale, ma questo non significa farsi giustizia da soli".

Massimo Adriatici

Massimo Adriatici

globalist 21 luglio 2021

Questa notte Massimo Adriatici, assessore leghista del comune pavese di Voghera, ha ucciso con un colpo d’arma da fuoco un marocchino.

La versione dei fatti del "docente di diritto penale e procedura penale presso Scuola allievi agenti Polizia di Stato Alessandria" ed "ex docente dell'Università del Piemonte Orientale" (come da lui scritto su Facebook) parla di un colpo partito accidentalmente.

 In un'intervista alla Provincia Pavese del 29 marzo 2018 affermava che "L'uso di un'arma deve essere giustificato da un pericolo reale, per la persona che la usa, per le sue proprietà o quelle altrui. Ma questo non significa farsi giustizia da soli. Ovvero, la legittima difesa si configura se sparo per evitare che qualcuno spari a me, o non ci sono altro mezzi per metterlo in fuga ed evitare che rubi. Sparare deve essere l'extrema ratio, l'ultima possibilità da mettere in atto se non ne esistono altre".