Pascucci (Italia in Comune) punta il dito contro Salvini: "Il suo grilletto ha già emesso la sentenza"

Il coordinatore di Italia in Comune: "Infanga il morto ed esalta l'eroe italiano dalla cui pistola è partito il colpo mortale"

Alessio Pascucci

Alessio Pascucci

globalist 21 luglio 2021

Il caso di Massimo Adriatici ha provocato reazioni diverse da tutto il panorama politico italiano.

Questa notte, l’assessore di Voghera ha sparato contro un marocchino 39enne, uccidendolo.

Adriatici ha già parlato di colpo accidentale, mentre la Lega ha già tirato in ballo la legittima difesa, con in prima linea Matteo Salvini.

Alessio Pascucci, coordinatore di Italia in Comune ha rivolto pesanti accuse verso la Lega: "Nel dramma di Voghera al momento abbiamo un morto ammazzato, un politico ai domiciliari e un'inchiesta avviata con tantissimi nodi da definire. Eppure uno sciacallo di razza come Matteo Salvini preme il grilletto e spara già la sentenza che, guarda caso, infanga il morto ed esalta l'eroe italiano dalla cui pistola è partito il colpo mortale”.

"Come sindaco e rappresentante di un partito con molti amministratori locali mi chiedo, intanto, con quale faccia un ex ministro dell'Interno, in totale disprezzo delle stesse forze dell'ordine che in queste ore stanno facendo i rilievi necessari per l'indagine, posso emettere una sentenza, parlando di legittima difesa, senza conoscere i fatti", prosegue Pascucci.

"Questo modo di soffiare sul vento della violenza e dell'intolleranza deve essere respinto con forza. Ci auguriamo che il premier Draghi, almeno su questo, abbia la forza di richiamare i rappresentanti del suo governo a comportamenti dignitosi che rispettino la vita umana e le istituzioni", conclude il coordinatore di Italia in Comune.