Meloni separata in casa sovranista e Santanché rilancia: "Fatevi delle domande"

La coordinatrice lombarda di Fdi: "Non vi deluderemo, abbiamo una lista forte e vogliamo crescere anche a Milano"

Daniela Santanché e Giorgia Meloni

Daniela Santanché e Giorgia Meloni

globalist 16 luglio 2021
Giorgia Meloni è infuriata con gli alleati di centro destra per averla lasciata a secco di candidati nel Cda Rai, in fase di rinnovo in questi giorni. La deputata di Fdi, Daniela Santanché, ha dato conferma del clima infuocato che c'è nel suo partito contro Fi e Lega, dando un chiaro segnale di irritazione.  
"Non sempre, nel centrodestra, vediamo una reciprocità di atteggiamenti e questo ci dispiace- dice la coordinatrice lombarda di Fdi Daniela Santanchè, durante la presentazione del candidato sindaco per Milano Luca Bernardo- l'assenza di Giorgia Meloni è un segnale? Fatevi delle domande e datevi delle risposte". È una Daniela Santanchè criptica ma non troppo quella intervenuta oggi al Palazzo delle Stelline di Milano.
L'assenza di Meloni alla 'prima' di Bernardo non è passata inosservata, ma per l'esponente di Fdi gli alleati del centrodestra non devono sentirsi preoccupati: "I nostri avversari- commenta- si chiamano Pd e 5Stelle. Non vogliamo crescere a discapito degli alleati, ma vogliamo che cresca tutto il centrodestra".
In ogni caso, sugli obiettivi del partito, Santanché non si sbilancia, ed evita di fissare asticelle: "Non vi deluderemo- taglia corto- abbiamo una lista forte e vogliamo crescere anche a Milano. Noi in doppia cifra? Non mettiamo limiti alla provvidenza".
Sulla squadra che accompagnerà Bernardo, Santanché sottolinea come "non pensiamo alle poltrone, ma a vincere", e incalzata sul fatto che Albertini sia della partita, la coordinatrice lombarda conclude rispondendo con un sibilino "non lo so".