Cuppi (Pd): "Revocare l'incarico di ambasciatore a Vattani per la sua vicinanza al fascismo"

La presidente dell'Assemblea nazionale del Pd: "Chi fa apologia del fascismo non può rappresentare il nostro paese. Il neofascismo non deve avere posto nel nostro Paese. Tanto meno nelle istituzioni"

Mario Vattani

Mario Vattani

globalist 30 maggio 2021

No al fascismo e ai fascisti in una repubblica democratica antifascisata nata dalla resistenza dopo gli orrori della dittatura di Mussolini e quelli della guerra in combutta con il nazista Hitler.

"Va revocato l'incarico a Mario Vattani, in arte 'Katanga', ad ambasciatore italiano presso Singapore. Va revocato perché l'Italia è una Repubblica democratica e antifascista nata dalla Resistenza. Non può esser rappresentata da un individuo che nel corso della sua vita ha pubblicamente, come da lui stesso ammesso, fatto più volte il saluto romano, partecipato ad eventi organizzati da gruppi neofascisti".

Lo afferma Valentina Cuppi, presidente dell'Assemblea nazionale del Pd.
"Non può. È uno sfregio ai valori della Repubblica. È un'offesa alle tante persone che da anni lavorano e studiano sodo per intraprendere la carriera diplomatica. Va assolutamente revocato l'incarico, come ha chiesto anche l'Anpi, chiederemo con forza al Governo di farlo. Chi fa apologia del fascismo- sottolinea- non può certo rappresentare il nostro paese. Il neofascismo non deve avere posto nel nostro Paese. Tanto meno nelle istituzioni".