Il Governo di destra in Abruzzo assume Lorenzo Di Flaviano, sotto processo per aggressione fascista

Lo denuncia Nicola Fratoianni: "Di Flaviano aggredì violentemente due giovani davanti al circolo ARCI Pescara Scumm nel 2017"

Lorenzo Di Flaviano

Lorenzo Di Flaviano

globalist 17 marzo 2021
Il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni denuncia su Facebook che la destra al governo dell'Abruzzo "non si accontenta di creare caos sulla vicenda delle vaccinazioni, ma ora addirittura premia un "amico" dal curriculum pesante, un picchiatore fascista, razzista e omofobo. 
Si tratta di Lorenzo Di Flaviano, sotto processo per una violenta aggressione ai danni di due giovani davanti al circolo ARCI Pescara Scumm nel 2017. 
Nella sua casa poi furono ritrovati libri su Hitler e Mussolini oltre che una mazza nel bagagliaio dell’auto". 
"Ora, non solo risulta essere stato assunto  - prosegue il parlamentare della sinistra - nella segreteria della Presidenza del Consiglio Regionale dell'Abruzzo, ma la giunta Comunale di Pescara, sempre di centrodestra, ha approvato il project financing per la riqualificazione degli impianti sportivi di Colle Breccia presentato da una società di cui è co-titolare l'aggressore fascista attualmente sotto processo. 
Il project financing di iniziativa privata prevede che la società Village gestirà l'impianto e potrà realizzare un ristorante con 48 posti a sedere e un negozio: tutto è stato approvato senza motivazioni, graduatorie e punteggio come giustamente denunciato dai consiglieri comunali di opposizione del M5S che ringraziamo. “
"Rinnovo la solidarietà ai ragazzi aggrediti e a tutto il circolo Scumm che dopo il danno vive la beffa di scelte del genere. 
Il comportamento della Regione Abruzzo e del Comune di Pescara è gravissimo - conclude Fratoianni - e dovrebbero immediatamente tornare indietro su una decisione a dir poco vergognosa".