Dall’incidente in autostrada al duetto con Mihajlovic: la strana serata di Ibrahimovic al festival

Zlatan Ibrahimovic prosegue la sua settimana della kermesse sanremese: dall’arrivo in ritardo per un incidente in autostrada, il passaggio di un motociclista e l’intervista toccante con Mihajlovic, finita con un duetto.

Rosario Fiorello, Sinisa Mihajlovic, Zlatan Ibrahimovic, Amadeus sul palco di Sanremo

Rosario Fiorello, Sinisa Mihajlovic, Zlatan Ibrahimovic, Amadeus sul palco di Sanremo

Globalsport 5 marzo 2021Globalsport

Nulla è ordinario se si tratta di Zlatan Ibrahimovic.

La sua presenza a Sanremo non è certamente inosservata, e ieri sera si è reso protagonista di una vicenda rocambolesca e romanzata.

Secondo la scaletta doveva presentarsi sul palco alle 22:05, ma il calciatore non si presenta.

La prima ipotesi è stata quella di tagliare le sue apparizioni per colmare il ritardo accumulato dai problemi fonici di Fasma e Nesli, ma non regge: il tempo scorre e Ibra non si vede.

La spiegazione arriverà poi dal diretto interessato: la colpa è stata di un grosso incidente autostradale che ha bloccato Zlatan nella via di Sanremo per almeno tre ore.

Provvidenziale è stato un motociclista a cui Ibra avrebbe chiesto un passaggio per arrivare in tempo al festival.

Tutto questo raccontato davanti ad un attonito Amadues.

Il motociclista, ai microfoni di Radio Montecarlo ha dichiarato:

“C’era un traffico impressionante e nel pomeriggio ho deciso di uscire in moto.

Stavo tornando a casa e, fermo nel traffico, ho visto un van nero con due persone a bordo: uno sembravaIbrahimovic.

Ho pensato: ‘Ma questo è Ibra’.

L’autista ha abbassato il finestrino e mi ha detto: ‘Ibra chiede se lo puoi portare a Sanremo’, e la mia risposta è stata: ‘Sì, certo, nessun problema’.

Avevo un casco sotto la sella, ho chiamato mia moglie e le ho detto: ‘Sto accompagnando Ibra a Sanremo’ ma lei non mi ha creduto.

Io sono anche milanista.

Ibra voleva guidare ma gli ho detto di no.

Quello che ha detto lui in televisione è vero: sono un motociclista della domenica, non avevo mai preso l’autostrada in moto.

Nel viaggio non abbiamo incontrato molte auto, è stato semplice.

Zlatan è stato carinissimo, è una persona squisita. Mi ha chiesto come avrebbe potuto ringraziarmi e mi ha detto che mi manderà la sua maglia.

Non sono neanche riuscito a fare una foto perché quando siamo arrivati all’Ariston era di corsa, è sceso dalla moto ed è entrato.

Mia moglie alla fine mi ha creduto, il matrimonio è salvo”.

Tutto vero a quanto pare.

La scaletta di Sanremo con Ibra era stravolta, ma salva: una toccante intervista al vecchio amico Sinisa Mihajlovic, una toccante intervista che ha spaziato fra gli aneddoti su come si sono conosciuti, al passato di giocatore di Sinisa, fino al momento più serio, dove si è parlato della malattia di Sinista e a come l’ha superata.

Alla fine, hanno cantato in duetto con Fiorello e Amadeus, il grande successo dei Nomano “io vagabondo”, una delle canzoni preferite di Sinisa.